RSS

Archivi categoria: Salute e Benessere

Dormire fa bene


Un buon riposo notturno è indispensabile per affrontare con energia e vitalità una lunga giornata fatta di lavoro, studio, sport ecc.

Ma non sempre si riesce a dormire come si dovrebbe, tanto che si è
calcolato che dall’inizio del Novecento ad oggi si è perso novanta
minuti di sonno.
Dai neonati che dormono ben 16 ore al giorno, si passa agli adolescenti
che riposano 9 ore per finire con gli adulti che si concedono solo 7
ore di sonno. Anche se dormire è una necessità per tutti, sono i geni
che stabiliscono se un individuo è gufo (tende ad addormentarsi tardi)
o allodola (si sveglia presto).
L’insonnia o la cattiva qualità del sonno influenza l’umore, la salute e perfino la longevità.
In Italia sono circa 3 milioni le persone che per lavoro hanno dei ritmi di vita molto irregolari, e ciò ha una diretta ripercussione sulla qualità del riposo notturno.
La difficoltà a dormire è però anche sintomo di disagio psichico
(preoccupazioni, stress e ansia) o fisico (disturbi addominali,
cardiocircolatori), quindi necessita di esser affrontata in tempo prima
che il disturbo diventi cronico.
Uno studio effettuato in America ha evidenziato che chi dorme poco o
soffre di insonnia ha il 60% di possibilità in più di diventare obeso,
perché aumenta la grelina, l’ormone che segnala la fame, e diminuisce
la leptina, quello che comunica la sazietà.
Il sonno, poi, è fondamentale per fissare i ricordi e agevolare i
processi di memorizzazione perché mentre si dorme il cervello si
prepara a immagazzinarne di nuovi.
Una ricerca, condotta all’ospedale San Raffaele, ha dimostrato che chi
dorme poco ha più probabilità di soffrire di problemi
cardiocircolatori. Anche il sistema immunitario risente delle
privazioni di sonno tanto che il rischio di contrarre infezioni aumenta
e la pelle invecchia precocemente.
Chi soffre di insonnia potrebbe invece fare dell’esercizio fisico
perché lo sport prima delle cinque del pomeriggio favorisce la
produzione di endorfine che innalzano il tono dell’umore e calmano
l’ansia. Anche bandire la sera sostanze eccitanti ed effettuare un
bagno caldo potrebbe aiutare il rilassamento. Ma è soprattutto la
regolarità la più fedele alleata: andar a dormire e svegliarsi sempre
alla stessa ora è un’ottima abitudine che scaccia le cefalee dovute
all’accesso di sonno del weekend.
Per aver una buona qualità di vita allora …buon sonno a tutti!


http://www.blogscienze.com

Annunci
 
4 commenti

Pubblicato da su 21 gennaio 2008 in Salute e Benessere

 

LE CELLULE DELLA PELLE TORNANO BAMBINE CON POCHI GENI


ROMA – Bastano pochissimi geni per far tornare bambine le cellule
adulte della pelle umana. Senza ricorrere alla clonazione e senza
distruggere embrioni
, la tecnica sperimentata in Giappone e negli Stati
Uniti promette di aprire in futuro una nuova strada per terapie su
misura perché basate sulle cellule prelevate dagli stessi pazienti.
Regredendo nello sviluppo, infatti, le cellule umane sono diventate
simili a cellule staminali embrionali
. Gli esperimenti, descritti nelle
riviste Cell e Science, sono stati condotti in modo indipendente
rispettivamente da Shinya Yamanaka, dell’Università di Kyoto, e da
James Thomson, dell’università del Wisconsin-Madison.


Il
risultato era stato in parte anticipato sabato scorso dal pioniere
delle ricerche sulla clonazione, Ian Wilmut, che commentando i nuovi
risultati aveva dichiarato di voler abbandonare la via della clonazione
terapeutica. L’esperimento giapponese e quello americano si basano su
ricette simili ma non identiche. In entrambi i casi sono partiti da
cellule di pelle umana (fibroblasti) e hanno modificato il loro
patrimonio genetico introducendo nel Dna quattro geni che sono attivi
esclusivamente durante lo sviluppo embrionale.


Il gruppo di
Yamanaka ha utilizzato i geni Oct3/4, Sox2, c-Myc, Klf4; quello di
Thomson i geni Oct4, Nanog, Sox2 e Lin28. Riaccendendo questi geni le
cellule hanno cominciato a "dimenticare" il loro programma e a
funzionare come cellule embrionali. Sono diventate cioé molto simili
alle cellule staminali di un embrione, anche se non identiche, e
potenzialmente pluripotenti, ossia capaci di dare origine a diversi
tipi di cellule adulte. Generano inoltre i classici tumori indotti
dalle staminali embrionali, i teratomi, e danno origine ai tre
foglietti embrionali che danno forma al feto
. Gli stessi autori delle
due ricerche avvertono però che è presto per dire che non ci sarà più
bisogno di studiare le cellule staminali embrionali.


E’
infatti necessario un continuo confronto fra queste e le staminali
ottenute per riprogrammazione prima di poter stabilire che i due tipi
di cellule possono essere equivalenti in un futuro uso terapeutico. La
strada da fare è ancora lunga, almeno quanto quella percorsa finora, da
tempo i due gruppi sono alla ricerca dei fattori capaci di azzerare il
programma di una cellula adulta senza ricorrere alla clonazione. Il
gruppo di Yamanaka, per esempio, ha cominciato questa ricerca su
cellule della pelle di topo, nelle quali aveva introdotto i geni Oct4,
Sox2, c-Myc e Klf4 ottenendo cellule staminali simili alle embrionali.
Soltanto nell’agosto scorso aveva dimostrato che da una di quelle
cellule riprogrammate era possibile ottenere un embrione.


"Le
cellule create in laboratorio fanno esattamente ciò che le staminali
embrionali sono capaci di fare
", ha osservato Thomson. "Forse – ha
aggiunto – sono clinicamente ancora più rilevanti di quelle embrionali,
perché non dovrebbero dare problemi di rigetto". Ottimista, Yamanaka,
sul futuro della ricerca: "ora dovremmo essere capaci di generare
cellule staminali umane e ottenere vari tipi di cellule, ad esempio
cardiache, epatiche, neurali. Queste saranno estremamente utili per
studiare le malattie, testare farmaci e, in futuro, aprire la via a
terapie cellulari su misura".


By ANSA

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 21 novembre 2007 in Salute e Benessere

 
 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: